Turismo Accessibile

Che cos’è il turismo sociale?

Il termine turismo sociale ha fatto la sua prima comparsa nel XX secolo, tra la fine degli anni ’40 e l’inizio degli anni ’50 e indicava le attività turistiche promosse da organizzazioni che operavano senza fini di lucro a favore dei ceti popolari.

Recentemente questa tipologia di turismo è mutata in turismo accessibile, un vero e proprio servizio sociale inteso come un momento di incontro, di relazione e accompagnamento di persone diversamente abili.

I Volontari del Soccorso della Valpelline da alcuni anni, grazie alla presenza in associazione di guide specializzate per l’accompagnamento di ipovedenti e non vedenti, sono disponibili alcuni servizi mirati al turismo accessibile, nello specifico per lo sci alpino e lo sci nordico.

L’accessibilità è la caratteristica di un dispositivo, di un servizio, di una risorsa o di un ambiente d’essere fruibile con facilità da una qualsiasi tipologia d’utente.

Il termine è comunemente associato alla possibilità anche per persone con ridotta o impedita capacità sensoriale, motoria, o psichica (ovvero affette da disabilità sia temporanea, sia stabile), di accedere e muoversi autonomamente in ambienti fisici (per cui si parla di accessibilità fisica), di fruire e accedere autonomamente a contenuti culturali (nel qual caso si parla di accessibilità culturale) o fruire dei sistemi informatici e delle risorse a disposizione tipicamente attraverso l’uso di tecnologie assistive o tramite il rispetto di requisiti di accessibilità dei prodotti.

Seguici sui social

©2018 Volontari del Soccorso della Valpelline

Loc. Capoluogo 27 , 11020 Valpelline (AO)

C.F.91025370072

info@volontarivalpelline.it